Villaggio Crespi d'Adda - World Heritage Unesco
CONOSCERE CRESPI INSIEME A CHI LO VIVE
DIDATTICA, DIVULGAZIONE, TURISMO SOSTENIBILE
↑   MENU   ↑

Cos'è Crespi?

Villaggio Crespi d'Adda
"Villaggio operaio di fine Ottocento"
"Città ideale del lavoro"
Patrimonio Unesco

Veduta del Villaggio Crespi d'Adda

Crespi è il nome della famiglia di industriali cotonieri lombardi che a fine Ottocento realizzò un moderno "Villaggio ideale del lavoro" accanto al proprio opificio tessile, lungo la riva bergamasca del fiume Adda.

Il Villaggio Crespi d'Adda è una vera e propria cittadina completa costruita dal nulla dal padrone della fabbrica per i suoi dipendenti e le loro famiglie. Ai lavoratori venivano messi a disposizione una casa con orto e giardino e tutti i servizi necessari.

In questo piccolo mondo perfetto il padrone "regnava" dal suo castello e provvedeva come un padre a tutti i bisogni dei dipendenti: dentro e fuori la fabbrica e "dalla culla alla tomba", anticipando le tutele dello Stato stesso. Nel Villaggio potevano abitare solo coloro che lavoravano nell'opificio, e la vita di tutti i singoli e della comunità intera "ruotava attorno alla fabbrica stessa", ai suoi ritmi e alle sue esigenze.

L'UNESCO ha accolto Crespi d'Adda nella Lista del Patrimonio Mondiale Protetto in quanto "Esempio eccezionale del fenomeno dei villaggi operai, il più completo e meglio conservato del Sud Europa".

Criteri soddisfatti:

(IV) Crespi d'Adda offe esempio eminente di un complesso architettonico che illustra un periodo significativo della storia umana.

(V) Crespi d'Adda costituisce esempio eminente di insediamento umano rappresentativo di una cultura, specialmente se divenuto vulnerabile per l'impatto di cambiamenti irreversibili.

Leggi la scheda di valutazione Unesco su www.crespidadda.org

Curiosità su Crespi

lampioni ad ingresso fabbrica di crespi d adda

PRIMO IN ITALIA
Il Villaggio Crespi d'Adda è stato il primo paese in Italia ad essere dotato di illuminazione pubblica con il sistema moderno Edison!

aula della scuola di crespi d adda

PAGA LA DITTA
Nella scuola di Crespi, riservata ai figli dei dipendenti, tutto era fornito dalla fabbrica: dai libri alle penne ai grembiulini, dalla refezione allo stipendio e alloggio per gli insegnanti!

piscina di crespi d adda

C'ERA GIA' LA PISCINA
La ditta dei Crespi fece costruire a inizio Novecento, tra i tanti servizi gratuiti, una piscina al coperto, con docce, spogliatoi e.. acqua calda!

telefono

UNA LINEA TELEFONICA PRIVATA
Crespi d'Adda, seppure in provincia di Bergamo, ha il prefisso telefonico di Milano: infatti i Crespi fecero installare una linea privata a lunga distanza che collegava il loro castello con la residenza di Milano!

silvio benigno crespi ministro

MINISTRO PLENI-POTENZIARIO
Silvio Benigno Crespi, figlio del fondatore della fabbrica e del Villaggio, rappresentò l'Italia tra i "potenti della terra" ai trattati di Versailles, dopo la Prima guerra mondiale!

corriere della sera

IL CORRIERE DELLA SERA
La famiglia Crespi, nella persona di Benigno Crespi, fratello del fondatore e parente dei Morbio, divenne proprietaria del "Corriere della Sera" già ai tempi della fondazione del giornale!

autodromo di monza nell ottocento

LE PRIME AUTOSTRADE E L'AUTODROMO
Fu Silvio Benigno Crespi, appassionato di auto, a promuovere - negli anni Venti - la costruzione delle prime autostrade d'Italia e dell'autodromo di Monza!

dipinto

LA GALLERIA D'ARTE CRESPI
Il fondatore Cristoforo Crespi era un collezionista d'arte: diversi quadri appartenuti alla "collezione Crespi", come "La Schiavona" di Tiziano, sono ora conservati presso i più importanti musei del mondo!

chiesa di crespi d adda

CHIESA BRAMANTESCA?
UNA COPIA!
La chiesa di Crespi è perfettamente rinascimentale, ma non è originale: per volere dei Crespi, è la copia esatta della chiesa di Busto Arsizio, loro città natale!

vista del villaggio crespi d adda

LA TORRE E L'ALTARE
La chiesa del Villaggio ed il castello dei Crespi si trovano sul medesimo asse: con il portone della chiesa spalancato, è possibile vedere l'altare dalla cima della torre!